Trasporto pubblico, così non va, serve una soluzione

Il comune di San Felice del Benaco soffre da anni di trasporti pubblici inadeguati sia verso la città di Desenzano che quella di Salò, ed è  estremamente complicato arrivare a Brescia.

L’esasperazione per i disservizi che ha portato ad inizio ottobre al blocco dell’autobus alla fermata di Portese, è solo la punta dell’iceberg di un sistema di trasporto pubblico che va, a nostro avviso, radicalmente rivisto.

Vista l’immobilità della Amministrazione Rosa, abbiamo deciso di prendere noi direttamente l’iniziativa inviando una lettera alle autorità provinciali competenti per il trasporto pubblico locale chiedendo di convocare quanto prima un tavolo di confronto tra Provincia di Brescia, Agenzia TPL e membri del Consiglio Comunale di San Felice del Benaco, per trovare delle soluzioni a questo annoso problema che affligge il nostro comune.

Purtroppo la responsabilità del buon esito di questa azione non dipende da noi, ma vi promettiamo che vigileremo e sproneremo tutte le autorità interessate affinché diano soluzione a questo problema.

Come sempre vi terremo aggiornati.



San Felice del Benaco, 12 Novembre 2014

Spett.le

Diego Peli
Consigliere Provinciale con delega al trasporto pubblico locale

Corrado Ghirardelli
Presidente Agenzia TPL Brescia

Claudio Bragaglio
Vice Presidente Agenzia TPL Brescia

Paolo Rosa
Sindaco del Comune di San Felice del Benaco

Membri del Consiglio Comunale di San Felice del Benaco

Oggetto: Richiesta convocazione tavolo di confronto

Egr. Consigliere,
la situazione del trasporto pubblico locale sul lago di Garda è oramai in uno stato di criticità cronica.

Il comune di San Felice del Benaco soffre da anni di collegamenti non adeguati sia verso la città di Desenzano che quella di Salò. Oggi è  estremamente complicato arrivare a Brescia.

Quanto successo ad inizio ottobre, quando un genitore esasperato per il disservizio subito dal figlio ha bloccato la ripartenza del bus dalla fermata di Portese, è solo la punta dell’iceberg di un sistema di trasporto pubblico che va, a nostro avviso, radicalmente rivisto.

Una revisione che deve tenere conto delle necessità dei cittadini del Garda, ma anche  – nell’ottica di supporto ad un turismo sostenibile – delle esigenze del turista. A questo proposito Le rammentiamo che il solo comune di San Felice del Benaco vanta annualmente oltre 600.000 presenze. Un bacino più che interessante per l’economia del turismo delle città di Brescia, Desenzano e Salò, ma anche dell’intera provincia.

Per cercare di inquadrare le problematiche che stiamo vivendo e, con Lei, definire le possibili soluzioni saremo lieti se vorrà organizzare quanto prima un tavolo di confronto tra Provincia di Brescia, Agenzia TPL e membri del Consiglio Comunale di San Felice del Benaco.

Rimaniamo in attesa di un vostro gentile riscontro.

Cordiali saluti,

Gruppo Consiliare “Idee in Comune”
Simone Bocchio, Simone Zuin, Bruno Baldo, Sandra Tarmanini


Scarica e leggi la lettera completa (pdf)


 

Leggi anche:

Trasporto pubblico a San Felice: risolviamo insieme il problema
(14 gennaio 2015)

Rispondi