Politiche sociali: casa, lavoro, famiglia, anziani

ungh-245Le ricadute della crisi che il Paese sta attraversando determinano, anche nel nostro Comune, l’aumento delle spese da sostenere nel settore denominato “assistenza sociale”.

Il Comune si farà garante della qualità dei servizi, assumendo una funzione di coordinamento e di promozione delle politiche sociali. Promuoverà e sosterrà le famiglie, le associazioni e le reti informali del volontariato in modo da realizzare un progetto di “welfare partecipato”. L’assistenza sociale interviene laddove il welfare statale non arriva. Il nostro impegno, dopo un’attenta ricognizione degli interventi in atto, valutando caso per caso le reali necessità, sarà quello di reperire le risorse necessarie affinché la nostra Comunità possa tutelare tutti, a partire da chi attraversa situazioni di difficoltà particolari.

Il lavoro

Va garantito un supporto alle attività turistiche, commerciali, produttive e artigianali del territorio. Le politiche interdisciplinari dell’Amministrazione dovranno andare in questo senso. Sarà nostro compito promuovere ed agevolare la costituzione di forme cooperative per la gestione del territorio, ulivi, spiagge, piste ciclabili ecc., da affidare a disoccupati temporanei residenti nel Comune in cambio dell’assistenza economica.

La persona

Vista la particolare carenza del trasporto pubblico il Comune promuoverà, mettendo a disposizione le risorse necessarie, con la collaborazione del volontariato sociale o con l’eventuale l’utilizzo di lavoratori socialmente utili un servizio di accompagnamento presso le strutture sanitarie rivolto a tutti coloro che, pur essendo autosufficienti, non sono in grado di raggiungerle agevolmente.

La famiglia

La famiglia è al tempo stesso utente dei servizi (scuola, salute, assistenza) e fornitrice di servizi per i minori, i disabili, gli anziani. L’Amministrazione comunale sosterrà entrambe le funzioni incentivando quanto più possibile la seconda. Il lavoro di cura svolto dalle famiglie è un impegno che va riconosciuto nella sua valenza sociale. In questo contesto particolare attenzione sarà posta alla “non autosufficienza”, anche con l’identificazione di risorse straordinarie per far fronte al disagio delle famiglie coinvolte.

Accesso alla casa

Facilitazioni per l’accesso alla casa a prezzi ragionevoli mediante il recupero, la ristrutturazione e l’ampliamento degli edifici esistenti per trattenere sul territorio le famiglie di nuova formazione e non, a cui attualmente è preclusa ogni possibilità di insediamento a causa del costo degli immobili a libero mercato.

Gli anziani

L’Amministrazione deve assumersi un impegno straordinario mirato a garantire una vecchiaia dignitosa ai nostri concittadini attraverso convenzioni con strutture locali esistenti nel breve periodo e progettando, nel medio/lungo periodo, una soluzione strutturale. Sarà realizzato un programma pluriennale che prevederà un incremento delle attività ludico-ricreative e di quelle legate al dialogo intergenerazionale. Sarà garantita una sempre maggiore fruibilità delle strutture di ritrovo.

Integrazione

Sul piano puramente culturale e delle regole locali, puntiamo a sconfiggere la pratica delle discriminazioni e ad abbattere i pregiudizi attraverso reali percorsi di incontro e di conoscenza, promuovendo e sostenendo progetti interculturali nelle scuole, favorendo corsi di lingua italiana per stranieri, prestando particolare attenzione ai percorsi formativi, promuovendo incontri di sensibilizzazione con i genitori e il corpo docente mirati al miglioramento dei rapporti sociali nella scuola.