Acqua: osservatorio, infrastrutture, bene comune

aiva-210Nessuno a San Felice ha dimenticato la grave epidemia di gastroenterite dell’estate 2009 causata dalla contaminazione dell’acqua potabile. Molti cittadini purtroppo a distanza di cinque anni da quei famigerati eventi non utilizzano ancora l’acqua potabile e chiedono a gran voce di sapere “che acqua beviamo a San Felice?”.

Noi pensiamo sia urgente ridare fiducia nella nostra acqua pubblica, e ciò non può prescindere dal conoscere finalmente che acqua beviamo, con trasparenza, chiarezza, semplicità e in modo comprensibile a chiunque.

Osservatorio sull’acqua

Intendiamo costituire un Osservatorio sull’acqua composto da tutti i soggetti preposti al controllo e gestione dell’acqua pubblica (Comune, ASL, Garda Uno), insieme a cittadini, scuola e mondo della ricerca, con le seguenti finalità:

  • Ascolto e valutazione delle problematiche segnalate dai cittadini.
  • Analisi periodica dei risultati dei controlli effettuati dall’ente gestore e dall’ASL nell’ambito delle proprie competenze previste dalla legge.
  • Divulgazione dei risultati in modo semplificato e comprensibile a chiunque e con ogni mezzo, affinché i cittadini siano pienamente coscienti e informati sulla qualità dell’acqua loro fornita; organizzazione di attività informative e didattiche di conoscenza della nostra acqua potabile, del nostro acquedotto e in generale degli impianti di gestione, depurazione e distribuzione.
  • Documentazione, anche storica, sulla qualità dell’acqua e le attività dell’osservatorio, con attenzione alla facile comprensione, anche per un utilizzo per finalità didattiche.
  • Ricerca: acquisizione di pareri di esperti sia dal punto di vista tossicologico che alimentare; condivisione dati in Open Data e promozione dello sviluppo di soluzioni software e app per la divulgazione dei dati sulla qualità dell’acqua; sviluppo di infografiche divulgative; ecc.

In un secondo momento, dopo la fase di completo avvio delle attività dell’Osservatorio sull’acqua, si verificherà la possibilità di estendere l’ambito anche ad altri temi ambientali quali l’acqua del lago, l’aria e la terra.

Acqua bene comune

Intendiamo modificare lo Statuto Comunale per ribadire che l’acqua è un bene comune e che il servizio idrico è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica.

Infrastrutture idriche

Intendiamo verificare lo stato generale del nostro acquedotto e degli impianti di distribuzione per programmare interventi di ammodernamento infrastrutturale.